Come difenderci dal Male LIBERA NOS 4#

L’idea di questo film è proprio quella di fornire uno strumento utile che ci metta in mano kit_esorcismo-630x627un vero e proprio “manuale di soppravvivenza” dal nemico,come abbiamo sempre definito scherzosamente questo film.

Oggi ci troviamo in tempi dove tutto viene messo in discussione alla luce di un generico relativismo, rischiando di trovare ribaltate le cose importanti, dove il bene viene considerato male e viceversa.

Invece non è così:  il male di vivere è dilagante e ne è una conferma la ricerca spasmodica di distrazioni che ci intorpidiscano; oppure nasce la ricerca di una vita più spirituale, ma spesso la strada che il mondo offre risulta essere un’altra trappola, fatta di guru ed ascesi fai da te.

Al posto di andare in cerca di chissà quale strana pratica di vita di chissà quale asceta orientale, sarebbe bene riprendere quella che è la sapienza della nostra fede, che ci mette in mano le armi per potersi difendere, sia da noi stessi (carcerati e carcerieri dei nostri vizi), sia dal Nemico: colui che da sempre fa di tutto per distruggere la creatura che Dio ha così tanto amato da sacrificare il suo stesso Figlio per salvarla.

Quali dunque in breve le armi che il Signore ci dà?

img_20181020_181148.jpgPrima di tutto, ovviamente, la fede, che va chiesta in maniera incessante. Perché senza la fede noi siamo nulla. Infatti è Dio che vince sul male, anche quando usa gli uomini come strumenti nelle Sue mani per operare. È sempre Lui l’artefice del bene.

Dalla fede sboccia la preghiera, che è tanto temuta dal maligno. E non a caso la preghiera che il Signore personalmente ci ha insegnato, il Padre Nostro, finisce proprio in maniera esorcistica con quel Libera Nos a Malo, da cui il titolo del nostro film, dove per “male” si intende non solo un generico e astratto male, ma bensì “il maligno”, un essere spirituale intelligente.

Quale quindi la preghiera migliore?

Ma ovviamente, per sconfiggere il superbo per eccellenza, dobbiamo chiamare in campo la “sublilmente umile”: la Vergine Maria. Il Rosario, ” questa lunga, continua invocazione alla Madonna” (come la definisce don Amorth) non solo è l’orazione dei semplici, dei piccoli, ma nello stesso tempo è un vero concentrato e summa della fede e della preghiera. Infatti nel Rosario abbiamo come prima cosa la “roccia” del Credo, che racchiude in sé l’alta teologia e la sapienza della Chiesa; come seconda, la preghiera orale, con la ripetizione del PaterNoster, AveMaria e Gloria; poi, la preghiera del corpo, con la sua specifica gestualità; e infine la meditazione del Vangelo, della Buona Novella, attraversando con la mente ed il cuore i momenti più importanti della venuta del Cristo.

Possiamo dire che non vi sia preghiera privata più completa ed utile contro il nemico, ma va ricordato che qualsiasi pratica spirituale senza la fede in Dio può cadere in un atteggiamento magico e superstizioso, e così più che arma diventa trappola.

Poi il Signore ci dà altre indicazioni su quello che possiamo fare nella lotta: “certa specie di demoni si scaccia solo con la preghiera e col digiuno” (Mt 17,21)

Perché la mortificazione può essere un’arma contro il demonio?

Per comprendere questo bisogna capire i diversi ambiti della lotta spirituale. In parte li abbiamoAttaccoGola affrontati nel film su Santa Veronica Giuliani, grande maestra della mortificazione, ma cerchiamo di ripercorrerli sinteticamente.

La lotta contro il demonio non si combatte con i muscoli, ma con la fede e l’umiltà, infatti il nemico ci attacca cercando di farci peccare e ai suoi attacchi dobbiamo resistere esercitando le virtù.

La lotta in gran parte avviene dentro di noi e purtroppo molte volte il nostro io non gioca a nostro favore. Quindi bisogna imparare a essere forti nella volontà, e un buon modo è quello di mortificarsi quotidianamente in quelli che sono i nostri desideri, il nostro volere, per essere allenati ad ascoltare e poi fare la Volontà di Dio.

Le altre strategie le vedremo nel prossimo articolo.

Contina…

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...